Articoli, Bambini, Europa

Milano Expò 2015

2 Maggio 2015 – 31 Ottobre 2015 EXPO’ Milano 2015
Evento di importanza mondiale che attira ed attirerà  nel capoluogo lombardo turisti, curiosi e studiosi da ogni parte del mondo.  Ma alla fine cosa è l’Expò? Di cosa si tratta?
La parola Expò è un abbreviazione di Esposizione Universale. Un Esposizione Universale è un evento mondiale, organizzato dal Bureau International des Expositions (cui aderiscono ben 160 stati) ospitati da una città assegnataria e basato su un tema attorno al quale verranno allestiti dei padiglioni e programmati eventi e spettacoli. La prima edizione si è svolta nel 1756 a Londra e la successiva a Parigi, esempio e ricordo della magnificenza dell’evento arrivato ai posteri è la meravigliosa Torre Eiffel.
Milano non è la prima città italiana scelta per ospitare questo grande evento globale, già in precedenza troviamo gli allestimenti a Roma (1874), Torino (1961) e Genova (1992), cosa certa è che la città nordica è diventata vetrina mondiale in cui i Paesi mostrano il meglio delle proprie tecnologie per dare una risposta concreta ad un’esigenza vitale: riuscire a garantire cibo sano, sicuro e sufficiente per tutti i popoli, nel rispetto del Pianeta e dei suoi equilibri. Tema, infatti, dell’Expò di Milano 2015 è “Nutrire il Pianeta, Energia per la vita”. E’  data visibilità alla tradizione, alla creatività e all’innovazione del settore dell’alimentazione e si sottolinea il diritto ad un’alimentazione sana, sicura e sufficiente per tutto il Pianeta.
L’Expò non ha natura commerciale, infatti non si tratta di una “fiera” dove si acquista o vende, ma è un’occasione di scambio culturale, di incontro, di innovazione.
L’Expò si suddivide in cinque aree tematiche, 4  all’interno del sito e una in città nel Palazzo della Triennale. Ma in definitiva che cosa c’è da vedere una volta varcati i cancelli dei Padiglioni? Ci sono Padiglioni tematici sul cibo e la biodiversità alimentare.
Il Padiglione Zero racconta la storia dell’uomo sulla Terra attraverso il suo rapporto con il cibo, abbiamo poi il Children Park, spazio in cui i bambini imparano a conoscere i temi di Expò divertendosi. Parco della biodiversità: un grande giardino in cui sono riprodotti gli ecosistemi presenti nel nostro Pianeta. Per i visitatori più tecnologici appuntamento è al Future Food District che spiega come la tecnologia cambierà le modalità di conservazione, distribuzione, acquisto e consumo del cibo. L’ultimo padiglione, presente all’interno del Palazzo della Triennale in città, vede allestita una mostra che illustra il rapporto tra cibo e arte nel corso dei secoli.
I 90 Paesi che non realizzano un proprio Padiglione espositivo sono raggruppati in Cluster. Si tratta di spazi espositivi che uniscano per similarità i Paesi dalla produzione di uno specifico alimento a un determinato tema; questi Padiglioni Cluster aiutano il turista ad avere una visione più omogenea del percorso espositivo. All’interno di ogni Cluster viene raccontata la storia degli alimenti con video, installazioni e mostre fotografiche.
Completano lo scenario mostre, cooking show, degustazioni, mercati con alimenti tutti da scoprire presentati dalla voce di chi li coltiva e produce.
Concludendo, che dire, abbiamo ancora dei mesi per poter visitare quello che si presenta come l’evento mondiale del 2015, visitare la città di Milano, i suoi edifici, il Duomo, le sue opere d’arte, che aspettiamo preparate le valigie e venite con me!

Mariva.

Please follow and like us:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *