Consigli di viaggio, Diario di viaggio USA, On the road, Stati Uniti

Come visitare il Bryce Canyon National Park, Utah.

Tra i molti parchi del grande Ovest americano da noi recentemente visitati, il primo posto nel mio cuore, lo occupa il meraviglioso Bryce Canyon.

Il parco si trova nello stato dello Utah, a breve distanza dalla fantasmagorica Las Vegas qui, il paesaggio lunare del Nevada è un ricordo lontano. Quella che ci accoglie è una terra rossa fuoco con tonalità talvolta giallo arancio e spaccati di vegetazione tra rocce millenarie.

cartello utah welcome in utah visitare il bryce canyon national park

Come visitare il Bryce Canyon

Avendo mezza giornata per visitare il Bryce Canyon, prima di raggiungere la prossima tappa, decidiamo di percorrere la Scenic Bway 12 con la nostra auto e fermarci ai viewpoint che più ci colpiscono.

Le strade all’interno del parco nazionale sono fantastiche, curate e con un ottimo asfalto, oltre ad aree d’osservazione ben segnalate. Naturalmente, per chi ha molto tempo a disposizione, consigliamo di lasciare la propria vettura all’ingresso e visitare il Bryce Canyon tramite il comodo e gratuito servizio navetta. Questo permette di scendere e risalire ogni qualvolta si voglia dai bus che fanno da spola tra i vari punti di interesse e il centro informazioni.

visitare il bryce canyon national park insegna ingresso

Durante i 30 km di strada panoramica, che attraversano il parco, ci siamo fermati per curiosare e fotografare il paesaggio molte, moltissime volte, ma davanti ai nostri occhi c’era sempre uno scenario completamente nuovo.

visitare il bryce canyon hoodoos hoodos camini delle fate

visitare il bryce canyon il gusto in viaggio hoodoos utah west cost

Gli hoodoos o camini delle fate

Il Bryce Canyon è composto da una profonda vallata erosa dal tempo e dagli agenti atmosferici, da cui si innalzano spettacolari pinnacoli rosso arancio. Questi sono i famosi hoodoos o anche detti camini delle fate, veri protagonisti del parco. Ogni guglia è completamente diversa dall’altra, non solo si diversificano nel colore, ma anche nell’altezza e nel loro spessore. Visitare il Bryce Canyon è come essere uno spettatore di fronte ad un anfiteatro dai toni caldi e fatati, dove tutto è misteriosamente possibile. Tutto quello che vedrete è pura magia.

visitare il bryce canyon hoodoos utah hoodos

visitare il bryce canyon national park utah

Stare seduta, lungo i vari sentieri che attraversano il Bryce Canyon, in silenzio è un’emozione inspiegabile. Ti senti piccola di fronte all’immensità della natura, sei sola con te stessa e i tuoi pensieri sono solo un ricordo lontano. Una pace interiore prende il sopravvento, ti senti rilassata e appagata, nulla sembra essere più importante. Ho amato intensamente questo stato di benessere che mi ha dato visitare il Bryce Canyon ed il suo paesaggio di castelli fatati, lo auguro a chiunque.

Se anche voi avete in mente un on the road sulle strade americane non potete certo lasciare fuori il Bryce Canyon, dovete assolutamente includerlo nella vostra programmazione.

Punti panoramici da non perdere

Visitare il Bryce Canyon senza fermarsi nei migliori punti panoramici è un vero sacrilegio. La parte della giornata migliore per godere dei riflessi del sole sui pinnacoli di arenaria è quella a ridosso dell’alba, ma se non amate la sveglia presto potreste accontentarvi della luce del tramonto.

  • Sunrise Point (da vedere alle prime luci dell’alba)
  • Sunset Point (da dove parte il meraviglioso Navajo loop che vi richiederà solo un paio d’ore)
  • Inspiration Point.
  • Rainbow Point
  • Bryce Point (dove si trova il capolinea dei shuttle)
  • Farview Point e il Natural Bridge

visitare il bryce canyon utah navajo loop

Informazioni utili

Come arrivare

Potrete decidere di arrivare al Bryce Canyon includendolo come tappa di transizione in partenza o in arrivo a Las Vegas. Molti addirittura noleggiano l’auto e fanno un’escursione in giornata da Vegas oppure si rivolgono alle molte agenzie turistiche locali che vendono economici pacchetti. Noi, durante il nostro viaggio on the road abbiamo scelto di visitare il Bryce Canyon evitando la gita andata e ritorno da Las Vegas, pur se appagante ci avrebbe stancato veramente troppo e non ci saremmo goduti ne l’una ne l’altro. Abbiamo utilizzato il Bryce Canyon per sgranchirci le gambe, come break dal volante prima della tappa successiva. La scelta è stata azzeccatissima, ancora oggi, al pensiero di quel pomeriggio ho il cuore in gola e la pelle d’oca per la bellezza che ho ammirato.

Lasciate la US 89 all’incrocio con la Scenic Bway 12 e proseguite fino all’ingresso del parco.

Indirizzo: Bryce Canyon National Park
UT-63
Bryce, Utah 84764

Coordinate GPS per il Visitor Center:
Latitudine: N 37° 38′ 24″ / Longitudine: W 112° 10′ 12″
Latitudein: 37.6 / Longitudine: -112.1

infografica bryce canyon map visitare il bryce canyon

Biglietti ed orari

Potete visitare il Bryce Canyon 24 ore su 24, 7 giorni su 7, ma ricordate che durante il periodo invernale causa neve molti sentieri sono chiusi al traffico.

Chiusura straordinaria per il giorno del Ringraziamento, il 25 dicembre e il primo gennaio.

Diverso è l‘orario del Visitor Center:

Estate Maggio – Settembre 8:00 – 20:00
Autunno Ottobre 8:00 – 18:00
Inverno Novembre – Marzo 8:00 – 16:30
Primavera Aprile 8:00 – 18:00

Potete entrare e visitare il Bryce Canyon con due diverse tipologie di biglietti:

  • potete entrare al Bryce Canyon con l’annual pass. Questo è un pass che permette di visitare tutti i parchi nazionali americani ad un costo di circa 80 dollari. Ha una durata di 12 mesi e si acquista al visitor center del primo parco in cui entrerete. Consiglio questa scelta se avrete in mente di visitare il Bryce Canyon ed almeno altri 4 parchi così da poter ammortare la spesa.
  • la seconda possibilità è quella di pagare il biglietto singolo, al Bryce Canyon, al ranger posto all’ingresso del parco. Il costo è di 25 dollari e permette una sola entrata a vettura.

 

 

15 thoughts on “Come visitare il Bryce Canyon National Park, Utah.

  1. Ottimo vademecum. Andrebbe sottolineato che, da un punto di vista scenografico, la finestra di tempo dedicata alla visita dovrebbe includere l’alba, momento ideale per cogliere, anche poeticamente, il gioco delle guglie. Il che significa, con ogni probabilità, pernottare lì.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *