IL GUSTO IN VIAGGIO

Family travel blog

coronavirus volare con i bambini

Coronavirus: volare con i bambini? Durante la fase due sarà difficile prendere un aereo, ma successivamente si potrà ed allora cerchiamo di capire cosa ci aspetta.

Coronavirus: potremo volare?

Ora che la fase due è alle porte, le compagnie aeree stanno iniziando ad informare sulle nuove modalità di viaggio, e purtroppo i più colpiti saranno i nostri bambini.

Prima del Coronavirus volare con i bambini era semplice. Si comprava un biglietto e si raggiungevano destinazioni da cartolina con i nostri figli. L’unica cosa di cui si aveva bisogno erano: documenti (passaporto o carta d’identità), biglietti e una busybag. I bambini erano liberi di giocare durante il volo, vedere un cartone e riposare… ma ora?

come far dormire i bambini sull'aereo, volo jet kids

Volare con i bambini

Il Coronavirus ci ha portato via la libertà obbligandoci a circolare con mascherina e guanti monouso, ed ora anche in aereo sarà così.

Dopo la fase acuta della pandemia Coronavirus, volare con i bambini avrà restrizioni atte a garantire la sicurezza di tutti, in primis dei nostri figli.

All’arrivo in aeroporto vi verrà misurata la temperatura corporea e si cercherà di agevolare le procedure di SELF check-in grazie ai totem predisposti. Molte sono le compagnie aeree che richiederanno esclusivamente il web check, informatevi bene prima di recarvi in aeroporto.

Il distanziamento sociale sugli aeromobili sarà messo in atto con posti a sedere alternati e personale ridotto. Non vi preoccupate, le famiglie con minori saranno agevolate con posti vicini, ma nonostante questo volare con i bambini comporterà, anche per loro, l‘uso obbligatorio di mascherine e guanti

Effettuare un viaggio di un paio d’ore “bardati” da Coronavirus sarà gestibile cercando di distrarre i nostri bambini, ma per voli intercontinentali tutto sarà più difficile. Ognuno di noi conosce i propri figli e sa bene se questo sarà uno scenario gestibile o un incubo che è meglio evitare. Noi personalmente non ce la siamo sentita di confermare un volo aereo per quest’estate, non ci sembra opportuno “obbligare” Irene a vivere un’esperienza così ristrettiva e difficile da gestire. Forse abbiamo fatto male, magari nostra figlia ed il suo spirito di adattamento ci avrebbe stupito tenendo la sua mascherina per 12 ore di fila, ma noi non vogliamo farle ricordare la magia del viaggio così.

P.S. Se cercate mascherine per i più piccoli e guanti in cotone (per evitare la dermatite di quelli in lattice) potete guardare qui.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *